Human Library- Biblioteca umana/vivente

Come accennato,
Ieri ero all'evento della HUMAN LIBRARY ad Hämeenlinna.
Cosa é veramente la Human Library?

Allora é una cosa che ha avuto inizio nei paesi nordici non ricordo bene se in Danimarca o Svezia.
Vi partecipano persone che per questo evento diventano dei libri umani.
Che tipo di libri sono? Di solito sono libri di categorie vittime di pregiudizi. Il libro vivente di solito sceglie un titolo che si addice a lui /lei. Io ad esempio essendo una scrittrice, ed essendo immigrata ho intitolato il mio libro Scrittrice Immigrata.
La copertina del libro sono commenti o opinioni, veritá e non veritá, relativi alla categoria che si é scelto, da dove nascerá quindi il dialogo con coloro che decideranno di prendere in prestito un determinato libro umano. La conversazione/ lettura dura 20 minuti, dopodiché il libro/persona, viene restituito alla Biblioteca per essere preso in prestito da qualcun'altro. La durata di tutto l'evento, qui ad Hämeenlinna é di 4 ore.
La cosa diventa interessante perché tutti noi libri siamo in una stanza tutti insieme, quindi coloro che decidono di prendere in prestito un determinato libro, non sanno chi si troveranno davanti. Eventi di questo tipo, di solito sono organizzati dalla Biblioteca o dalle Associazioni Culturali.

Perché mi piace partecipare alla Libreria umana o vivente?
Perché al di la di quante volte verrai preso in prestito, nella stanza dove siamo tutti noi libri é davvero bello essere, si ha la possibilitá di incontrare e conoscere persone nuove, parlare del proprio libro, e abbattere noi stessi alcuni pregiudizi che abbiamo.

Ad Hämeenlinna eravamo una ventina di libri, e le categorie andavano da me, come scritrrice immigrata, ad una single mother, ad un ritardato mentale, ad un epilettico, ad una nonna monoculturale, ad una monaca tibetana, ad una narcisista, un francese, un veditore di piazza, una femminista, ad una scrittrice di fiabe per bambini,ad una signora simpaticissima con problemi ormonali fin dalla pubertá, ad una ex tossicdipedente, ad un gay.
C'era un atmosfera molto bella, mi ricordo che l'anno scorso ero molto agitata e non ebbi tanto tempo da spendere con gli altri libri perché venivo presa in prestito spesso, quest'anno ho avuto un pó piú di tempo anche se sono felice che mi hanno preso in prestito diverse volte dato che nel contesto in cui ci troviamo piú o meno in tutta europa, il mio libro aveva un titolo provocativo, soprattutto qui in Finlandia, che la parola immigrata ( maahanmuttaja) e´un pó troppo generalizzata, nel senso che quando leggi Immigrata pensi ad uno che viene da paesi come la Somalia, Nigeria e paesi cosí, ma non un paese europeo come l'Italia, ed infatti una persona che mi ha preso in prestito e rimasta sorpresa a trovasri davanti una con la pelle chiara e proveniente da un paese dell'EU.

Un altra cosa che mi ha fatto molto piacere é che quest'anno piú dell'anno scorso, chi mi prendeva in prestito era piú interessato al fatto che fossi scrittrice piuttosto che immigrata ed ho avuto modo di convesrare con i "lettori" molto piú a mio agio, sia perché il mio finalndese é miglirato dall'anno scorso sia perché, come ho detto, ero molto piú tranquilla, sapendo giá come funzionava.

Alla fine della giornata ero mentalmente stanca, ma molto piú arricchita di quando ho messo piede la mattina nella stanza dove erano gli altri libri, certo alla fine, nel mio caso, 20 minuti con i lettori sono volati...e molti mi hanno restituito con molte domande in sospeso e a me era sembrato che avevamo appena iniziato a parlare.
Ho avuto una sensazione gratificante perché  molti lettori che mi hanno preso in prestito erano giovani che aspirano a diventare scrittori..e che quindi volevano sapere cosa io avevo fatto dove avevo trovato il coraggio di "uscire"  e sono stata felice di condvidere con loro la mia esperienza fino ad oggi.

Che altro dire...sono contenta perché é bello avere i coraggio di diventare dei libri, di mettersi in discussione e di abbattere delle barriere che avevi poco prima, e finire la girnata e dire " peró..perché non l'ho fatta prima qesta cosa..."

Vi do la buonanotte, il cambio dell'orario mi ha mandato in coma...e domani é lunedí e prevedo sará una giornata lunga...se avete delle domande, sentitevi liberi di lasciare commenti e chiedere, saró ben felice di ripondere...

Ciaoa tutti

Commenti

Post popolari in questo blog

GIANLUCA GIUSTI: NON SONO FERMO, MI MUOVO. MONTECATINI TERME UNA STORIA NELLA STORIA

LUCCA COMICS, GIORGIA STAIANO, IL MALE DEGLI AVI

SEGNALAZIONE - JESSICA VERZELLETTI- LUCIFER E I CAVALIERI DELLA LUCE.