giovedì 27 giugno 2013

HO ATTRAVERSATO TUTTE LE MIE VITE PER TROVARTI E POI PERDERTI FINCHÉ.....


E poi ci addormenteremo

dopo tanto migrare,

per non svegliarci piú.

Insieme

raggiungeremo le stelle

per unirci all'eternitá

finalmente inseparabili,

e per tutti saremo

semplicemente morti

perché non sapranno vedere

la differenza fra il sonno

e la morte.

Sorrideremo felici

fra le braccia l''uno dell'altra

ricordando quanto il dolore

ci ha fatto agonizzare

nel nome della grazia di questo amore.


© Diana Mistera 27.6.2013

martedì 18 giugno 2013

NOSTALGIA....

Quali segreti ci sono dietro la memoria io non lo so spiegare. Ció che é vero é che basta un odore particolare per risvegliarla o il il dolce suono della fisarmonica del vicino, mentre i ragazzi gridano allegri giocando una partita di calcio lungo la via che non finirá mai, in una di quelle sere d'estate in cui tutto sembra statico, una staticitá bella, piena di semplicitá.
Improvvisamente vorresti che il tempo si fermasse, chiudi gli occhi; gli spiriti ti vengono a salutare, usando una lucciola che non per caso si ferma nei tuoi oggetti, nonostante nella stanza ci siano anche altre cose che non ti appartengono, ti commuovi, perché in quel momento stavi pensando a quanto ti dispiaceva non essere riuscita ad andare al cimitero a salutare la tua nonnina é lei a fartelo capire usando uno degli insetti che eri solita andare a prendere con lei, nelle lunghe notti di estate, per metterla sotto il bicchiere e trovarci i soldini la mattina seguente, ti ricorda usando questo tramite a voi familiare che é sempre con te e lo é stata soprattutto in questa vacanza mandando segnali ovunque; sei felice di essere in grado di notarli questi segnali; di ritorno nella terra straniera, quella terra che non ti appartiene, pensi a chi sei, a cosa fai e dove andrai..cittadina del mondo ma straniera in una terra straniera perenemmente clandestina negli antri astrali dai quali non ti allontani mai e, a volte, semplicemente osservatrice.

La notte scende, chiudi gli occhi, ti sveglia l'improvviso gracchiare dei gabbiani, guardi fuori, non é notte e pensi, sono ancora casa mia, mio padre sta facendo colazione come sempre a quell'ora, é tempo di alzarsi, e poi ti ricordi di essere in Finlandia, sospiri, chiudi gli occhi e ti addormenti coccolata dalla nostalgia, respingendo quelle lacrime che nessuno puó capire.


© Diana Mistera 17.6.2013
 
 


Cristiana Meneghin , Le Gemme Dell'Eubale- blogtour

JYRKI LINNAKIVI - KULKURIN VALSSI- recensione

Recensione a cura di Diana Mistera KULKURIN VALSSI – (IL VALZER DEL VAGABONDO) Autore: Jyrki Linnankivi Lingua: Finlandese D ata d...