domenica 27 ottobre 2013

INFERNO

Ero in piedi davanti alla porte dell'Ade

era negli inferi che devevo discendere per trovarti

riprenderti, rapirti.

Non mi interessava chi eri divenuto lá

o dove ci eravamo incontrarti

perché una volta dentro

non esistevano piú vincoli

se non quelli che il cuore

batteva finquando

avrei avuto la capacitá di sentirlo.

Una visione vaga divenne il passato

che cercai disperatamente

nella cassa delle cose smarrite

e la memoria lentamente svaniva

combattendo contro l'orologio

che scandiva un tempo a me sconosciuto

nelle mura sature di rimpianti

ed il futuro, era a mia disposizione

solo se non mi sarei smarrita

nella via del ritorno.

Tornai con il mio bagaglio di sogni infranti

in quello che divenne il mio inferno

dannata perché

ero solo io a ricordare

quanto mi era costata la tua salvezza

mentre mi osservavi come una sconosciuta

con quel tuo sguardo assente.

© Diana Mistera 2.10.2013
ogni diritto é risevato per la foto, al suo proprietario.






giovedì 17 ottobre 2013

NO HELLDONE PER ME QUEST'ANNO

Ciao a tutti!
Le mie vacanze di autunno stanno giungendo a termine, martedí si torna a scuola per un paio di settimane e poi inizierá la pratica all'Hotel Vaakuna per cinque, e quindi fino al 6 di dicembre o giú di li. La pratica all'hotel mi preoccupa un pó, anche se ho esperienza la mia esperienza risale a piú di 20 anni fa, motivo per cui ho anche deciso di trasformare la mia esperienza in un diploma professionale iscrivendomi a questo corso, le mie prime  settimane saranno alle colazioni/ pranzo/ congressi, essendo il mese, quello di Novembre in cui le ditte iniziano con i pikku joulu, sono sicura che anche gli spazi dei congressi saranno spesso occupati, quindi chissá che non sosterró giá l'esame per la prima parte del diploma alla prima pratica lavorativa vedremo, ancora devo capire come funziona il "sostenere" una parte del diploma, quindi saró comunque molto impegnata sia con il corso che con i readings delle mie poesie che, come ho accennato, ne avró uno particolarmente importante alla libreria internazionale Arkadia di Helsinki l'11.12.2013 alle ore 18.00.

Perché non parteciperó all'Helldone seppure potrebbero suonarci gli HIM?
Semplice, quest'anno e nel 2014 ho altre prioritá come ad esempio, Dany Clide dei Vaja Con Dios  che sia io che mio marito speriamo di andare a vedere se non ad Helsinki a Riga, con la speranza che ci riusciamo,  e poi c'é l'anniversario dei  30 anni degli Alphaville nel 2014, probabilmente a Parigi, al quale non voglio mancare, quindi gli HIM possono aspettare...devo rimettere il mio karma a posto, con Marian e poi ci saranno comunque vecchi amici che ho proprio voglia di rivedere ed i 30 di carriera degli Alphaville é anche una data davvero importante, pensate che sono una grande fetta dei miei anni, dato che nel 2014 ne avró 42, ed una fetta davvero importante e quale migliore occasione se non condividere questa cosa con mio marito e rivedere vecchi amici, quindi i soldi sono investiti in questi 2 progetti.


Nella foto la tomba di Jean Sibelius ad Hämeenlinna. L'ho messa perché amo i colori dell'autunno in Finlandia, e perché in questa settimana sono anche andata un pó in giro a fare foto, il mio puffo ama particolarmente camminare nei cimiteri e leggere le lapidi, il mio sangue non mente e scorre ben forte nel mio puffetto, e siccome questo é un cimitero non piú in uso da moltissimi anni, secondo me fa bene all'anima ricordare coloro che vi sono sepolti e che non sono piú ricordati, Sibelius a parte.


copyrights per la foto © Diana Mistera, 2103.











 


 
 



martedì 15 ottobre 2013

LA FIERA DEL LIBRO DI TURKU 4-10 OTTOBRE 2013

Ciao a tutti!
La Fiera del Libro di Turku é andata bene. Ho partecipato la domenica ed ho letto alcune poesie sia in finlandese che in inglese presso Runohuone con poeti come Juha Kulmala e Tommi Parkko, che come molti di voi saparanno,fra i tanti progetti, entrambi fanno parte del progetto Runokohtaus.
devo dire che ero piú agitata del solito, la Fiera del libro di Turku é una evento in grande, quindi l'ansia c'era e forse si é vista.

Sono molto contenta delle esperienze che sto avendo in questo campo sia grazie a Runokohtaus che alle persone che ho incontrato attraverso Runokohtaus, come ho scritto lunedí sulla mia bacheca di facebook, 10 anni fa quando ho cambiato la mia vita, non avrei mai pensato che oggi sarei stata in giro a leggere le mie poesie, e di questo sono molto grata a tutti coloro che hanno reso questo possibile.

I prossimi appuntamenti saranno ad Helsinki alla Libreria Arkadia l'11.12.2013 alle ore 18.00, per poi iniziare con le date nel nuovo anno.
Vi terró aggioranti, ricordate di passare per il mio  blog inglese Darklight che aggiornoun pó piú frequentemente.

Ciao a tutti!!!



ERA SETTEMBRE...

Era settembre ed in me avevo mille speranze
una nuova classe mi era sembrata una porta
verso un nuovo inizio,
ero stata io a dire alla prof di italiano
all'ennesimo esame di riparazione
che era meglio ripetessi l'anno
quando mi chiese cosa avrei voluto fare.
L'inizio ci fu, ma non quello che mi sarei aspettata.
Ero seduta nel primo banco da sola
mentre guardavo i miei ex compagni passare oltre
felici, a raccontare la loro estate
io nella mia estate avevo lavorato,
avevo fatto la stagione estiva come cameriera
lavorando 12 ore ed essere pagata per 8.
Non mi sentivo in armonia,
ne con il mondo ne con quella classe
composta da muri bianchi, sterili senza anima
e pensare che era un vecchio convento
dove preghiere si erano innalzate
epifannie avevano bruciato l'anima dei monaci
e chissá quale tentazioni fustigate,
per fortuna avevo il mio walkman
con gli alphaville a palla
il mio rifugio
il mio mondo
il mio posto sicuro in giro per l'universo.
I voti aumentarono leggermente
e quell'anno avrei preso solo una materia al massimo 2
tanto non avrei comunque avuto tempo per studiare
o soldi per le ripetizioni
preferivo comprarmi vestiti e trucchi piuttosto
io in estate dovevo lavorare mentre tutti gli altri
erano al mare.
Un giorno di maggio
dopo la gita, alla quale non partecipai
di ritorno a casa mia madre mi accolse
con viso serio, o forse era tristezza
mi consegnó la cartolina che i miei compagni
mi avevano spedito dalla gita
tassata, senza francobolli
una punizione, mi dissero il giorno dopo,  per non essere andata in gita.
Che sapevano loro del dolore che provai dentro
una punizione mi dissero, ed ancora sento quella voce,
come se il destino e la vita non mi avevano punito abbastanza
la famiglia stava andando a rotoli
e la solitudine marciava con tamburi di guerra
dentro al mio cuore
calpestando ogni piccolo fiore che cercava di nascere.
Quanto ancora mi avrebbero mortificata non lo sapevo
non glielo avrei permesso
cosí decisi
di non permettere a nessuno di ammaccare
la corazza che mi stavo costruendo addosso.
Tanto ero comunque da sola
tanto valeva agire come una solitaria e smettere di credere
ai falsi sorrisi dei compagni di classe.
Avevo le mie amicizie al di fuori di quella stanza
avevo i miei sogni
avevo me stessa
me stessa, non mi avrebbe deluso.
Molte primavere sono passate da quei tristi giorni
eppure certe cose fanno ancora male
quando tornano in mente.
La cartolina la bruciai l'inverno seguente
speranodo di bruciare con essa anche tutti quegli spettri
che occupavano i banchi intorno a me,
ben pochi si salvarono da quell'inferno Dantesco.


© Diana Mistera 15.10.2013


Cristiana Meneghin , Le Gemme Dell'Eubale- blogtour

JYRKI LINNAKIVI - KULKURIN VALSSI- recensione

Recensione a cura di Diana Mistera KULKURIN VALSSI – (IL VALZER DEL VAGABONDO) Autore: Jyrki Linnankivi Lingua: Finlandese D ata d...