PULSE

Il flusso del mio sangue accelleró rapidamente seguendo il pulsare del cuore impazzito
finalmente vivo dopo aver ospitato il deserto
l'arsura, la morte apparente.
Non riuscivo a vedere piú niente
al di la della bellezza del tuo viso
di angelo caduto
tormentato da chissá quali demoni.
Sfiorai la mia pelle
ero viva, fatta di carne e sangue
se mi tagliavi avrei sanguinato
se mi baciavi la passione sarrebbe esplosa incontrollabile
e tu
ti limitasti a guardare la mia agonia sorridendo consapevolmente.

© Diana Mistera 28.9.2011

Commenti

Post popolari in questo blog

GIANLUCA GIUSTI: NON SONO FERMO, MI MUOVO. MONTECATINI TERME UNA STORIA NELLA STORIA

SEGNALAZIONE - JESSICA VERZELLETTI- LUCIFER E I CAVALIERI DELLA LUCE.

LUCCA COMICS, GIORGIA STAIANO, IL MALE DEGLI AVI