LAME

Una bellezza tinta di tristezza mi appari sul palco
ogni respiro é una corda che si spezza
ogni nota un lamento dipinto di vaghezza
le tue parole
mi colpiscono poco prima di svanire
nelle sabbie mutanti del tempo

E rimango immobile a guardarti
aspettando un segno in questo oblio
con le vecchie incertezze
che mi trafiggono, ad ogni tramonto.


© Diana Mistera 2011




Commenti

Post popolari in questo blog

GIANLUCA GIUSTI: NON SONO FERMO, MI MUOVO. MONTECATINI TERME UNA STORIA NELLA STORIA

SEGNALAZIONE - JESSICA VERZELLETTI- LUCIFER E I CAVALIERI DELLA LUCE.

LUCCA COMICS, GIORGIA STAIANO, IL MALE DEGLI AVI